Lucia Cardone

Professore Associato di Storia e critica del cinema


Laurea in Lettere Moderne presso la Facoltà d Lettere e Filosofia dell'Università di Pisa nel 1998, con una tesi in Storia e Critica del Cinema dal titolo: Il cinema di Elio Petri: la questione del cinema politico e la questione dei generi. La decima vittima (1965); relatore prof. Lorenzo Cuccu.

Dal 1999 al 2001 si è specializzata in Storia dell'Arte, presso la Scuola di Specializzazione dell'Università di Pisa, discutendo una tesi in Storia del Cinema dal titolo: Grand Hôtel e il melodramma cinematografico popolare (1946-1954). Sulle tracce di un'iconografia condivisa.

Assegnista di Ricerca presso il Dipartimento di Storia delle Arti dell'Università di Pisa dal 2002 al 2005, ha lavorato sul tema Il cinema italiano degli anni Cinquanta: forme della rappresentazione e forme della ricezione.

Dal 2003 al 2005 è professore a contratto di Storia e Critica del Cinema presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Sassari.

Nel 2005 è Ricercatore in formazione di Storia del Cinema presso l'Università di Pisa.

Consegue nel 2006 l'idoneità di Professore Associato nel Settore Disciplinare 'Cinema, Fotografia e Televisione' (L-Art/06); dal primo settembre 2006 è strutturata presso l'Università degli Studi di Sassari.

Principali pubblicazioni:
  • 2006; 'Il discorso amoroso dallo schermo alla carta: la rappresentazione delle passioni nei cineromanzi degli anni Cinquanta' in Alice Autelitano, Valentina Re (a cura di), Il racconto del film : la novellizzazione dal catalogo al trailer, Udine, Forum, 2006.
  • 2005; 'Pietra e celluloide' in Antonio Valente. Cinema architettura arti visive, a cura della stessa e di Alfredo Baldi, «Bianco e Nero», 553, III; 2005 pp. 31-37
  • 2005; 'Il cantiere del film: il cinema tra innovazione tecnologica e ricerca figurativa' in Antonio Valente. Il cinema e la costruzione dell'artificio, a cura della stessa e di Lorenzo Cuccu, Pisa, ETS
  • 2005; 'Schermi in movimento la tecnologia motoria nel cinema italiano dal dopoguerra agli anni Sessanta'' in La meccanica dell'umano. La rappresentazione della tecnologia nel cinema italiano dagli anni Trenta agli anni Settanta, a cura di Leonardo Gandini, Roma, Carocci-COFIN
  • 2005; Elio Petri, impolitico. La decima vittima (1965), Pisa, ETS
  • 2004; Con lo schermo nel cuore. Grand Hôtel e il cinema (1946-1956), Pisa, ETS
  • 2004; 'Il consumo paracinematografico', in Storia del cinema italiano, volume IX, 1954 ' 1959, a cura di Sandro Bernardi, Roma, Marsilio; pp. 352-361
  • 2004; 'Cinema da sfogliare: Perdonami! (Mario Costa, 1953) dal film al cineromanzo', «Polittico», 3, ottobre; pp. 197-207
  • 2004; 'Catene amare: un cineromanzo tra film e teatro', «Bianco e Nero», 548, I; pp.71-77
  • 2003; 'L'immagine misconosciuta. Manifesti, locandine e fotobuste del melodramma popolare degli anni '50', «Bianco e Nero», 547, numero unico 2003; pp. 159-162
  • 2003; Introduzione al linguaggio del film, Roma, Carocci; autrice dei capp. 1, 3 e dell'apparato iconografico; pp. 15-70; 83-113; co-autori Maurizio Ambrosini e Lorenzo Cuccu;
  • 2003; 'Il melodramma popolare e le riviste femminili del dopoguerra. Grand Hôtel e Matarazzo: ipotesi di un'iconografia condivisa' in a cura di Leonardo De Franceschi, Cinema / pittura. Dinamiche di scambio, Torino, Lindau, pp. 213 ' 223
  • 2002; Il cinema tra pittura e racconto. La Kermesse Héroïque (J. Feyder, 1935), «Critica d'arte», LXV, 14, Giugno, pp. 72 ' 80.